Contributo ASL per l’apparecchio acustico

contributo-asl

Centro per l’Udito è abilitato con il Sistema Sanitario Nazionale per la fornitura delle protesi acustiche a coloro che hanno diritto al contributo ASL a copertura parziale o totale della spesa per l’acquisto di un’apparecchio acustico, fornendo all’utente tutta l’assistenza di cui ha bisogno per la pratica ASL.

Chi ha diritto al contributo ASL per l’apparecchio acustico?

Il contributo ASL per l’acquisto dell’apparecchio acustico è riconosciuto a:

  • invalidi civili per i quali sia stata certificata capacità lavorativa di almeno un terzo a causa di ipoacusia.
  • Invalidi civili che hanno superato l’età lavorativa con invalidità superiore al 33,3% dovuta a più cause compresa l’ipoacusia;
  • Invalidi del lavoro che hanno diritto alla fornitura della protesi acustica dall’INAIL;
  • I minori con problemi di ipoacusia a prescindere dal grado del problema di udito;
  • Tutti gli invalidi di guerra o per infortunio sul lavoro;
  • I ricoverati in strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private;
  • Invalidi civili con invalidità riconosciuta del 100% che hanno bisogno dell’apparecchio acustico.

In quest’ultimo caso, per accedere al contributo, bisognerà fare richiesta affinché l’ipoacusia venga certificata tra le cause invalidanti, non essendo possibile attestare in questo caso l’ipoacusia tra le cause di aggravamento dello stato di invalidità.

Come ottenere il contributo ASL per l’apparecchio acustico

Coloro che hanno bisogno dell’apparecchio acustico e vogliano accedere al contributo del Sistema Sanitario Nazionale ma non sono in possesso della certificazione di invalidità, possono rivolgersi al Centro per l’Udito per una visita gratuita presso i nostri centri.

Qualora vengano riscontrate le condizioni per la fornitura dell’apparecchio acustico, i nostri audioprotesisti seguiranno l’utente durante tutto il percorso per l’inoltro della domanda di invalidità.

Qualora si sia già in possesso della certificazione di invalidità, sarà possibile ugualmente ricevere informazioni e supporto per la pratica ASL finalizzata alla fornitura dell’apparecchio acustico.

L’impegnativa del medico di base

Una volta in possesso del certificato di invalidità, il medico di base dovrà rilasciare al paziente l’impegnativa per una visita otorinolaringoiatrica con esame audiometrico e prescrizione dell’apparecchio acustico.

Centro per l’Udito può effettuare gratuitamente presso i propri centri la visita audiometrica previa prenotazione di un appuntamento. L’apparecchio acustico dovrà poi essere prescritto da parte di un otorinolaringoiatra e alla prescrizione dovrà essere accompagnato il preventivo per l’acquisto dell’apparecchio acustico fornito dai nostri audioprotesisti.

Qualora si desideri l’applicazione di un apparecchio acustico tecnologicamente più avanzato e meno impattante dal punto di vista estetico rispetto a quelli previsti dal Sistema Sanitario Nazionale, l’utente potrà concordare con l’audioprotesista il pagamento della differenza di prezzo rispetto a quanto coperto dal contributo pubblico.

La documentazione da presentare

Per ottenere la copertura totale o parziale dei costi sostenuti per la protesi acustica, l’utente dovrà inoltrare all’Ufficio Protesi e Ausili ASL la seguente documentazione:

  • prescrizione dell’apparecchio acustico con esame audiometrico in originale;
  • preventivo compilato dall’audioprotesista del centro acustico;
  • fotocopia del verbale di invalidità;
  • fotocopia della tessera sanitaria;
  • certificato di residenza (o autocertificazione).

L’autorizzazione dovrà essere concessa entro 20 giorni dal nulla osta da parte degli uffici ASL competenti. In assenza di comunicazione all’utente entro tale termine, l’autorizzazione si intende concessa.

Ottenuta l’autorizzazione dell’Ufficio Protesi e Ausili, Centro per l’Udito si occuperà dell’applicazione e regolazione dell’apparecchio acustico.